Acconsento all'utilizzo dei cookie
Ok Accetto Info Informazioni
VIVI CITY: Il motore di ricerca per biglietti salta la coda e tour
125

Dove dormire a Tokyo: i quartieri dove alloggiare e le tipologie di strutture

Se stai cercando un posto in cui dormire a Tokyo, allora hai proprio l’imbarazzo della scelta. Tokyo è una città immensa, ma anche ben servita. Il sistema di trasporti è tra i più efficienti e capillari al mondo. Ciò rende meno difficile l’impresa di trovare una buona sistemazione. Vero è che tra metropolitane, linee ferroviarie di superficie, monorotaia e autobus urbani, il rischio di perdersi è grande.

Cerchi un'offerta hotel a Tokyo?
In collaborazione con: Booking.com

Cerchi un'offerta hotel a Tokyo?

  • Prezzo più basso garantito e assistenza clienti in italiano
vedi disponibilità mostra disponibilità mostra disponibilità
In collaborazione con: Booking.com

Dormire a Tokyo: scegliere il quartiere giusto

Sono ben 23 i cosiddetti “quartieri speciali” in cui è suddivisa l’area metropolitana di Tokyo. Tra questi, per capire dove dormire a Tokyo, è bene restringere il campo. Come fare? Bene, eccoti tre regole fondamentali da segnare.

1. Prenotare un hotel in orbita “Yamanote Line”

Prima regola, direi fondamentale. Il quartiere in cui pernottare deve essere attraversato dalla Yamanote Line. A Tokyo, è bene dirlo, non c’è zona o circondario che non sia servito da una stazione ferroviaria o della metro. Ma la Yamanote è di gran lunga la linea principale.

Trattasi di un anello circolare che in poco più di 60 minuti percorre tutta la città, collegando le aree chiave di Tokyo. I treni partono ogni 2 minuti e mezzo nell’ora di punta, per un totale di 29 fermate in tutto. Tra le più allettanti segnaliamo Ueno e Ikebukuro a nord, Shinagawa a sud, Shinjuku, Shibuya e Harajuku a ovest, Akihabara, Shimbachi e Tokyo Station (l’area circostante al Palazzo imperiale) in centro.

  • La Yamanote Line è inoltre proprietà della Japan Rail. Questo vuol dire che è accessibile tramite JR pass, l’abbonamento “pigliatutto” per i treni nazionali giapponesi. In alternativa sono disponibili pass giornalieri a non più di 6 euro.

2. Valutare i collegamenti da/per l’aeroporto

Seconda regola, sempre per rimanere in tema di trasporti, è il collegamento con gli aeroporti di Haneda e Narita. Valutare in questo caso una zona ben servita dal Limo Shuttle Bus o dal Narita Express Train (se lo scalo dovesse essere quello di Narita), i principali mezzi di raccordo tra i due aeroporti e il cuore di Tokyo.

  • Il bus fa tappa in diversi tra quartieri già citati in precedenza tra cui Shinjuku, Shibuya e Tokyo Station, ma anche in altre zone interessanti come Ginza, ad esempio, mecca per gli amanti dello shopping e del kabuki, oppure Asakusa, famosa per il Tempio di Sensoji e neanche troppo lontana dalla Sky Tree Tower, la costruzione più alta del Giappone.

3. Scegliere le zone più movimentate

Non ultimo l’intrattenimento. Ogni quartiere di Tokyo può essere considerato una città nella città, con le sue regole, la sua storia e i suoi passatempi. In questa trama si intrecciano zone ricche di fascino e interesse, ma non mancano zone fredde e ataviche, seppure ben servite. Per questo suggeriamo di non privarsi del divertimento a portata di hotel. Vanno scelti in tal senso i quartieri più dinamici e vitali, ricchi di ristoranti, attrazioni e aree per lo shopping.

Le zone più moderne ed "effervescenti" di Tokyo

È nella parte ovest di Tokyo che si contano le zone più effervescenti e moderne della città: le solite Shinjuku e Shibuya su tutte, senza sottovalutare Harajaku, Aoyama e Meguro. Tra centro ed est meritano una menzione i quartieri di Asakusa, Shimbashi e Shiodome dove ha sede la Tokyo Tower, nonché il trittico Ginza, Nihombashi e Kanda, tutte orbitanti attorno all’area della Stazione Centrale e il Palazzo Imperiale. Chi fosse alla ricerca del puro divertimento, invece, potrebbe cercare un bell’alloggio tra Odaiba e Miahama, dove sorgono fior fior di parchi tematici e musei.

Ricapitolando: i migliori quartieri di Tokyo in cui alloggiare

Potendo incrociare i criteri elencati finora ci accorgiamo che sono le aree migliori in cui dormire a Tokyo sono essenzialmente tre: Shibuya, Shinjuku e Central Tokyo (l’area della Stazione Centrale, rispondente pressappoco ai distretti di Chiyoda e Chuo).

Shibuya e Shinkuju ormano lo zoccolo ovest della capitale. Sono zone vitali, belle sia di giorno che di notte, ricche di luoghi di interesse, che ospitano negozi di moda, di elettronica e letteralmente migliaia di ristoranti. Eccellenti i trasporti: le stazioni di Shibuya e Shinjuku sono tra le più affollate della città e del Giappone. Garantiti i collegamenti da/per l’aeroporto, nonché con le altre aree della città.

Un altro punto a favore di questi quartieri è che qui è possibile trovare hotel a qualsiasi fascia di prezzo: dagli ostelli più economici, ai caratteristici hotel capsule, fino alle sistemazioni più sofisticate. Un consiglio extra per chi fosse intenzionato a prenotare dalle parti della stazione di Shinjuku: evitare il distretto a luci rosse di Kabukisho, ad est della stazione ed optare per gli hotel nella zona ovest.

VIVI CITY: Il motore di ricerca per biglietti salta la coda e tour
VIVI CITY: Il motore di ricerca per biglietti salta la coda e tour
VIVI CITY: Il motore di ricerca per biglietti salta la coda e tour

Central Tokyo è il vero e proprio hub ferroviario della città. Da considerare soprattutto se si è in programma una gita fuori porta tra Kyoto, Osaka e il Monte Fuji. La zona è anche molto strategica per muoversi a piedi tra i principali luoghi e quartieri d’interesse del centro città: Palazzo Imperiale, Giardini Orientali, Ginza, Nihombashi, Tsukiji, Kendo, Jimbocho e Akihabara, tutte perle che andranno visitate durante la permanenza nipponica.

Zone alternative? Chi viaggia in gruppo o con bimbi al seguito può considerare Odaiba e l’area di Tokyo Disneyland, dove gli spazi e gli hotel sono più grandi e gli intrattenimenti non mancano (Miraikan, Sea Life Park, Disney Sea, Disneyland tanto per citarne alcuni).

Molto tranquilli e caratteristici anche i quartieri della città vecchia (Shitamachi), in particolar modo Ueno, Asakusa e Yanaka, zone meno gettonate di notte ma anche per questo più economiche e adatte alle famiglie. Chi fosse alla ricerca di triple e quadruple a buon prezzo, in particolar modo, dovrebbe fare un check da queste parti.

Dove dormire a Tokyo: sistemazione classica o esperienza tipica?

La scelta di una sistemazione a Tokyo dipende anche dalla tipologia di alloggio. Immancabili i classici hotel alla occidentale, vuoi business, vuoi di lusso, vuoi per famiglie, ma ci sono anche soluzioni più tradizionali come i ryokan e i minshuku. Alla ricerca di un’esperienza singolare? Perché non dormire in un tempio buddista, oppure in una vera e propria “capsula”: i capsule hotel sono un vero marchio di fabbrica giapponese, da dormirci anche se solo per poterlo raccontare.

Alloggi alla occidentale: hotel e ostelli

Per chi non vuole fare a meno di rinunciare ad una struttura ricettiva di impronta occidentale, a Tokyo se ne trovano anche in stile classico europeo. Niente futon o tatami, quindi, ma classici letti.

Catene internazionali e hotel di lusso

Costo medio: 8.000 - 50.000 yen (60-400 euro a notte)

grand hyatt hotelGli hotel “all’occidentale” sono adatti un po’ per tutte le tasche. Si va dai classici alberghi familiari con triple e quadruple a buon prezzo, alle sistemazioni più prezzolate.

Gli hotel di lusso si trovano nell’area della Stazione di Tokyo e nel vasto complesso di grattacieli di Roppongi Hills

  • Gli hotel di lusso, in particolare, si distinguono per le stanze ampie, accoglienti e impeccabili e le viste mozzafiato.

SCEGLI UNA DATA E PRENOTA IN UN HOTEL DI LUSSO A TOKYO


Business Hotel

Costo medio: 5.000 - 10.000 yen (40 - 80 euro a notte)

business hotelPiù economici i cosiddetti “business hotels”, hotel di media categoria con stanze piccole ma efficaci, senza alcuna personalità né riferimento alla cultura giapponese.

Attenzione però agli spazi, molto ridotti. Il letto matrimoniale, tante volte, non è più grande di una piazza e mezzo.

  • I business hotel rappresentano una scelta pratica perché non costano troppo e offrono comunque il giusto comfort. 

Ostelli

Costo medio: 1.500 - 3.000 yen (10 - 30 euro a notte)

ostello tokyoChi prediligesse il risparmio e, perché no, chi fosse alla ricerca di nuove amicizie, può sempre optare per il classico dormitorio condiviso.

A Tokyo, così come in tutto il Giappone, spazi comuni e camere degli ostelli sono molto puliti e sicuri.

  • La cultura degli ostelli “all’occidentale” è relativamente nuova in Giappone ed è solo negli ultimi anni che si sta eliminando un particolare molto fastidioso: il coprifuoco alle 23!

SCEGLI UNA DATA E PRENOTA IN UN OSTELLO A TOKYO

Alloggi tradizionali: capsule, ryokan, minshuku e templi

Andare in Giappone non capita certo tutti i giorni e non c’è niente di meglio che vivere l’esperienza a pieno, dall’alba al tramonto, dalla colazione al letto. Perché allora non dormire in uno tipico ryokan, dentro una capsula o, addirittura, in un tempio!

Capsule hotel

Costo medio: 3.000 - 4.000 yen (20 - 35 euro a notte)

hotel capsule tokyo cabineNei capsule hotel, i letti sono inseriti in vere e proprie capsule, a dimensione d’uomo.

Questi alloggi sono nati per fornire una sistemazione ai pendolari che uscivano troppo tardi dagli uffici, ma la particolarità delle stanze, simili a piccoli alveari, li ha resi un’attrazione turistica e di certo non solo un modo per risparmiare.

Tokyo è praticamente costellata di hotel a capsule, da est a ovest, da nord a sud. Ce ne sono di austeri, colorati, minimali, ma anche di più evoluti! Il costo di questi alloggi è abbastanza contenuto ma la qualità non lascia a desiderare. 

  • Qualche particolarità da conoscere sui capsule hotel: i bagagli vanno lasciati negli armadietti, uomini e donne devono alloggiare in stanze separate e il check-out va effettuato ogni giorno, anche se si rimane per più di una notte.

SCEGLI UNA DATA E PRENOTA IN UN CAPSULE HOTEL A TOKYO


Ryokan

Costo medio: 6.000 - 40.000 yen (45 - 300 euro a notte)

ryokan hotel tokyoI veri hotel della tradizione giapponese. È qui che “riposano” le radici e la storia del Sol Levante. Non si tratta di alloggi pensati per entusiasmare i turisti, ma di contesti unici, in cui i kimono e la cucina kaiseki la fanno da padrone.

La fascia di prezzo è molto ampia, si va da opzioni economiche a alloggi da centinaia di euro a notte, che offrono ad esempio bagni di acque termali incavati dentro splendidi edifici storici.

  • La cultura giapponese apre le porte: preparati a dormire sul futon direttamente appoggiato a terra. 

SCEGLI UNA DATA E PRENOTA IN UN RYOKAN A TOKYO


Minshuku

Costo medio: 5.000 - 15.000 yen (40 - 100 euro a notte)

ryokan hotelUn’opzione non troppo costosa, tra semplicità e tradizione, è rappresentata delle Minshuku, pensioni a conduzione familiare, generalmente con servizi di mezza pensione già inclusi.

All'arrivo, aspettati di essere accolto con una tazza di tè, una vera e propria pratica cerimoniale in Giappone. 

  • Dormendo in questi alloggi si potrà entrare a diretto contatto con i gestori, un modo divertente e stimolante di conoscere aneddoti, cultura e stile di vita del Sol Levante.

Dormire in un tempio

Costo medio: 3.000 - 10.000 yen (20 - 100 euro a notte)

tempio hotel tokyoInfine, per vivere un’esperienza davvero unica, non si può non citare la notte nei templi. In alcuni templi giapponesi è possibile fermarsi a dormire e, perché no, cominciare la giornata con una lezione di zen.

Diverse le sistemazioni di questo tipo nella capitale, anche se il tempio più famoso in cui poter soggiornare si trova sul monte Koya, vicino Kyoto.

  • Si tratta di sistemazioni simili ai ryokan come stile e arredamento, ma con il quid non indifferente della sacralità dell’alloggio.

Avete già alloggiato a Tokyo e c'è una sistemazione in particolare che preferite? Raccontatecelo in un commento!

125
Quanto ti è stata utile questa guida?
Marisdea s.r.l.s. P. IVA 05305350653