Acconsento all'utilizzo dei cookie
Ok Accetto Info Informazioni
VIVI CITY: Il motore di ricerca per biglietti salta la coda e tour
7

Un weekend a Venezia: Tra canali, gondole e calli della Serenissima

Scopri i migliori Tour e attività per visitare le meraviglie di Venezia Scopri i migliori Tour e attività per visitare le meraviglie di Venezia da 8€ scegli la tua esperienza
foto di Alessia Carbone per VIVI CITY

Benvenuti a Venezia, la città dell’amore, dei ponti e del Carnevale. Una delle mete più gettonate dagli innamorati di tutto il mondo, Venezia non è solo romanticismo, ma anche arte, mistero e magia. Il rovescio della medaglia? La bellezza della Serenissima attira turisti italiani e stranieri in ogni periodo dell’anno, perciò mettete in conto file alle principali attrazioni e prezzi elevati.

Ma non perdetevi d’animo! Tra giri in gondola e passeggiate tra le calli, ecco alcune dritte su cosa vedere a Venezia e consigli utili per trascorrere un weekend romantico e rilassante.

Quando andare a Venezia

La primavera è sicuramente il periodo migliore per visitare Venezia, più tranquilla ed economica rispetto all’estate quando la città si popola di turisti in maniera esagerata, i prezzi lievitano e il caldo si fa sentire. Se invece volete vivere un’esperienza indimenticabile, andateci in occasione di un appuntamento “clou” come il Carnevale.

Carnevale di Venezia: Spettacolo unico ma…

Il Carnevale di Venezia è uno degli eventi più suggestivi al mondo, un qualcosa di unico e coinvolgente. Aria di festa in città, un tripudio di maschere colorate, sfilate, rievocazioni e l’imperdibile “Volo dell’Angelo”, lo spettacolo che accende il Carnevale in Piazza San Marco.
Un’esperienza da vivere ad una sola condizione: mettete in conto folla in ogni angolo, difficoltà negli spostamenti e costi decisamente sopra la media.

Se avete in mente un weekend romantico e tranquillo a Venezia in cui visitare con calma la città, scartate sicuramente il periodo del Carnevale.

Piazza San Marco, il fulcro di Venezia

piazza san marco venezia vivicityfoto di Alessia Carbone per vivicity

Piazza San Marco rappresenta la storia di Venezia, la prima tappa da inserire nel vostro programma di viaggio.

Una delle piazze più belle e famose al mondo, con caratteristici locali e tavoli tutto intorno. Occhio al risparmio: sedersi ai tavolini dei bar in piazza ha costi decisamente esorbitanti, se volete prendere un caffè a prezzi modici fatelo al bancone.

Tanta confusione nelle ore di punta. Per godersi al meglio Piazza San Marco andateci di mattina o in prima serata quando non ci sono troppi turisti.

A Piazza San Marco trovate i principali monumenti di Venezia come la Basilica, il Palazzo Ducale e la Torre dell'Orologio (visitabile all’interno ma bella da vedere anche solo da fuori, soprattutto quando le statue dei mori battono le ore a martello).

Come arrivare in Piazza San Marco
Potete arrivare in piazza San Marco tranquillamente a piedi passeggiando per le suggestive Calli di Venezia (opzione decisamente consigliata). In alternativa, potete prendere gli appositi vaporetti dalla stazione ferroviaria Santa Lucia o da Piazzale Roma (Linee 1 e 2).

Basilica di San Marco

Basilica di San Marco VeneziaLa Basilica di San Marco è l’attrazione più importante di Venezia, obbligatorio visitarla anche se si é solo di passaggio.

Un capolavoro di arte bizantina, un’opera magnifica in cui convivono stili diversi e strepitosi mosaici di dimensioni gigantesche.

Biglietti per la Basilica di Piazza San Marco

L’ingresso alla Basilica di San Marco è gratuito ma la fila è allucinante, soprattutto nella tarda mattinata; per pochi euro vi conviene decisamente prenotare il biglietto con accesso da una fila privilegiata e risparmiarvi almeno un’ora abbondante di coda.

BIGLIETTI SALTA LA CODA PER LA BASILICA DI SAN MARCO

Se siete sprovvisti di biglietto e vi tocca mettervi in fila, portatevi un ombrello. Non ci sono coperture, i tempi in coda sono molto lunghi e c’è il rischio di inzupparvi in giorni di pioggia o soffrire il sole cocente nell’attesa di entrare.

All’interno della Basilica è assolutamente vietato introdurre zaini, valigie e borse ingombranti (da lasciare gratuitamente al deposito bagagli). È vietato inoltre scattare foto e video ed è richiesto un abbigliamento decoroso.

L’ingresso è gratuito per bambini sotto i 5 anni e per visitatori con disabilità motorie e in sedia a rotelle.

Museo, Pala d’oro e Tesoro

Meravigliosa all’esterno ma ancora di più all’interno; la Basilica offre anche altre visite a pagamento davvero imperdibili (vi garantiamo che tutte ne valgono decisamente la pena). In primis, il Museo di San Marco, a cui si accede attraverso una scala un po’ ripida (o in ascensore, ideale per anziani o persone con scarsa mobilità); nel Museo trovate la rappresentazione originale dei famosi cavalli in bronzo d’oro e argento, ma il top è la splendida terrazza con affaccio panoramico sulla piazza più bella di Venezia e sui giardini interni. Assolutamente consigliati anche il Sepolcro di San Marco con il Tesoro della Basilica e la mastodontica Pala dorata, ricca di incisioni e pietre preziose.

  • Queste visite extra non sono comprese nel biglietto d’ingresso alla Basilica e sono da acquistare a parte direttamente in loco. Per maggiore comodità, potete prendere online i ticket combinati che offrono più esperienze in un solo biglietto.

Quanto dura la visita alla Basilica

La visita gratuita alla Basilica dura indicativamente 10/15 minuti. Se invece avete scelto un itinerario che comprende anche il museo, il tesoro e le altre sezioni, considerate almeno 1 oretta.

Salita al Campanile di Piazza San Marco

La visita alla Basilica si può abbinare alla salita al Campanile, il simbolo della città per i Veneziani che lo definiscono “El paròn de casa”, il padrone di casa. In cima si arriva tramite ascensore e l’affaccio su Piazza San Marco è davvero uno spettacolo.

Anche la fila per il Campanile è spaventosa e se siete di fretta vi conviene prendere il ticket che vi fa saltare la coda e scegliere la fascia oraria. Il biglietto d’accesso prioritario costa un circa 15€ e si fa a parte rispetto a quello per la Basilica.

  • Gli accessi senza coda sono validi solo dal 1 Aprile al 2 Novembre. Nel resto dell’anno le file per entrare alla Basilica e al Campanile sono davvero ridotte e non c’è bisogno di biglietti ad ingresso prioritario per cui andateci tranquillamente senza
  • Sia per la Basilica che per il Campanile, si accettano voucher cartacei o elettronici da mostrare su smartphone o tablet.

Palazzo Ducale di Venezia

Palazzo Ducale Venezia

Un’esperienza che vi lascerà decisamente soddisfatti. Il Palazzo Ducale, antica sede del Doge e delle magistrature statali, è la più grande testimonianza storica della Repubblica Veneziana: un “must see” da non perdere per chi visita Venezia, si rimane a bocca aperta!

Un gioiello inestimabile in Piazza San Marco, che racchiude allo stesso tempo gli ambienti sfarzosi dei Dogi, le infauste prigioni e la possibilità di passare sul Ponte dei Sospiri.

Potete scegliere tra diversi tipi di biglietto per visitare il Palazzo Ducale, ognuno con un percorso diverso. Nel biglietto non è compresa l’audioguida (è possibile acquistarla solo in biglietteria al costo di 5€ a persona).

BIGLIETTI PER IL PALAZZO DUCALE DI VENEZIA

Ogni zona del Palazzo racchiude un pezzo di storia, vale la pena effettuare la visita con l’audioguida.

In alta stagione la coda per entrare al Palazzo Ducale di Venezia dura anche più di un’ora. Zero stress se prendete i biglietti online.

  • Tenete presente che anche acquistando il ticket in anticipo si fa un minimo di fila per il controllo borse ed il passaggio ai metal detector.

Biglietto Musei di Piazza San Marco

Il biglietto d’ingresso per i Musei di Piazza San Marco costa poco più di 20€ e comprende un percorso itinerante tra le sale del Palazzo Ducale, il Museo Correr, il Museo Archeologico Nazionale e le Sale Monumentali della Biblioteca Nazionale Marciana. Il pass vale 3 mesi dalla data d’acquisto e consente una sola entrata all’interno di ogni museo.

Biglietto Museum Pass

Il Museum Pass è un biglietto cumulativo che consente l’ingresso ai Musei di Piazza San Marco e agli altri Musei Civici di Venezia (ad esempio la Casa di Carlo Goldoni o il Museo del Vetro a Murano). Questa tipologia di ticket costa circa 25€.

  • Il Museum Pass vale 6 mesi dalla data d’acquisto e consente una sola entrata all’interno di ogni singolo museo.

Percorsi Speciali del Palazzo Ducale

Le sale del percorso standard sono eccezionali ma probabilmente la vera chicca del Palazzo Ducale sono i Percorsi Speciali: potete scegliere tra il tour “Itinerari Segreti” (consigliatissimo) o “I Tesori nascosti del Doge”. Entrambe le esperienze sono da 5 stelle grazie anche ai racconti della guida accompagnatrice che vi fa rivivere gli intrighi della vita a palazzo della Serenissima.

  • Ogni tour dura circa 1:15h e parte solo di mattina. Il biglietto comprende anche la visita agli interni del Palazzo Ducale (senza accompagnatore).
  • Entrambi i “Percorsi Speciali”non sono adatti a persone claustrofobiche, visitatori in carrozzelle e minori di 6 anni: le antiche carceri del palazzo e le stanze segrete si sviluppano in spazi stretti e con scale ripide, un livello di accessibilità decisamente ridotta per chi ha difficoltà motorie.

Quanto dura la visita al Palazzo Ducale

Per la visita standard al Palazzo Ducale (cioè quella classica senza Percorsi Speciali) si impiegano mediamente un paio d’ore. Se avete prenotato anche i tour extra, calcolate almeno 3 ore.

A detta di molti visitatori, l’area più bella del Palazzo Ducale è la sala del Maggior Consiglio. Sulla parete della sala trovate il dipinto del “Paradiso”, una tela gigantesca di oltre 7 metri firmata da Tintoretto che testimonia la grandezza della Serenissima.

  • Nel percorso si passa anche per il “Ponte dei Sospiri”, una delle attrazioni più suggestive di tutta Venezia.

Teatro la Fenice

Anche se non si è appassionati di teatro, vale la pena ritagliarsi una mezz’oretta per visitare La Fenice, il famoso tempio della musica di Venezia. Ricostruito dopo il terribile incendio del 1996, il Teatro la Fenice è una bomboniera da vedere, un autentico gioiello che trasuda storia ed eleganza; il cartellone eventi è degno dei più famosi al mondo e per gli amanti dell’opera godersi dal vivo uno spettacolo in questo teatro è un’esperienza da favola.

Biglietti per La Fenice di Venezia

Il Teatro è visitabile tutti i giorni e la fila per entrare è generalmente corta e molto scorrevole. Il biglietto costa circa 10€ e comprende l’audioguida in italiano (fino ad esaurimento) e l’ingresso alla mostra dedicata a Maria Callas. Può capitare che le audioguide in italiano siano esaurite al momento della vostra visita.

Se non volete correre il rischio vi conviene acquistare il ticket online (costa pochi euro in più ma vi garantisce l’accesso istantaneo a Teatro e l’audioguida in più lingue).

  • Gli orari delle visite possono subire cambiamenti dell’ultimo minuto per ragioni artistiche o tecniche.
  • Se visitate il Teatro con la famiglia, considerate che l’ingresso è gratuito per i bambini sotto i 6 anni e che potete usufruire delle riduzioni con i biglietti Family Pass.

Quanto dura la visita al Teatro

Il tour guidato all’interno della Fenice non dura molto, considerate massimo un’oretta. Se invece lo visitate in modo più veloce senza audioguida, basteranno anche 30 minuti per vedere platea, loggione e palco reale.

  • Per una pausa caffè fermatevi al drink bar situato al piano superiore del teatro.

Come arrivare al Teatro La Fenice
Il Teatro la Fenice si trova in Campo san Fantin, a meno di 5 minuti a piedi da Piazza San Marco. Potete arrivarci anche con il vaporetto dalla stazione ferroviaria Santa Lucia o da Piazzale Roma (Linee 1 e 2) direzione Rialto, San Marco o Lido.

Cosa fare a Venezia: Dal Canal Grande al Ponte dei Sospiri

ponte dei sospiri venezia vivicityfoto di Alessia Carbone per vivicity

Perché Venezia è una delle città più romantiche del mondo? Provate a girare senza meta tra le sue calli, affacciarvi da uno dei suoi ponti o a fare un giro in gondola ed avrete la risposta.

In gondola sul Canal Grande: Quanto costa un giro?

Dici Venezia e pensi alle gondole che fluttuano lungo il Canal Grande, un nastro d’acqua che attraversa la città.

Inutile dire che regalarsi un giro in gondola è l’esperienza più bella da fare a Venezia, con viste emozionanti sulla Cà d’oro, sul Ponte di Rialto, su Santa Maria della Salute fino ad arrivare alla magnificenza di piazza San Marco.

I prezzi di un giro in gondola sono un po’ alti (considerate intorno agli 80€ per un giro di 30 minuti diurno e 100€ per il giro in notturna); costi proibitivi per chi ha un budget ridotto, ma passare con la dolce metà sotto il Ponte dei Sospiri mentre il gondoliere vi intrattiene con racconti e aneddoti merita ogni cifra spesa.

  • Una buona idea è prenotare un giro in gondola se viaggiate in un gruppo di almeno 4-6 persone; se siete due coppie, ad esempio, il giro vi costa 20€ a testa, un prezzo abbordabile.

Il giro in battello è più economico e può essere una valida alternativa alla gondola. Prenotate un tour di sera, e il Canal Grande vi sembrerà fatato, con lucine e lampioni ad illuminare ogni palazzo e calle di Venezia.

Collezione Peggy Guggenheim

Affacciata sul Canal Grande c’è la balconata dello splendido Museo Peggy Guggenheim, un museo non troppo grande ma che ospita bellissime collezioni di arte moderna temporanee e permanenti, in cui spiccano quadri minori di Picasso o il famoso “Impero delle luci”di Magritte.

Il museo prende il nome dalla collezionista d’arte statunitense Peggy Guggenheim, l’ereditiera che perse il padre nel tragico incidente del Titanic e nel 1949 si trasferì a Venezia dove esibì definitivamente la sua collezione.

  • Il biglietto d’ingresso per il museo costa circa 15€ e per visitarlo calcolate un’ora o poco più. La struttura ospita anche un bar dove fermarvi per una sosta.
  • La collezione Peggy Guggenheim è una delle tappe principali di ogni tour guidato d’arte a Venezia.
  •  La domenica pomeriggio il Museo organizza i Kids Day, con attività per bambini dai 4 ai 10 anni.

Ponte dei sospiri, Ponte di Rialto, Ponte dell’Accademia

ponte di rialto venezia vivicityfoto di Alessia Carbone per vivicityIl Ponte dei Sospiri è forse il luogo più leggendario di Venezia, classico sfondo di una foto ricordo di turisti e innamorati. Non si torna a casa senza una foto al Ponte dei Sospiri!

Seppur romantico, il nome del ponte non ha nulla a che fare con gli innamorati: la leggenda narra che i detenuti, andando verso gli inquisitori, sospirassero passando sotto al ponte alla vista del mondo esterno per un'ultima volta.

Trovare lo spazio per una foto è un’impresa difficile, dato il costante afflusso di gente a tutte le ore con telefoni e macchine fotografiche.

Sistematevi sul ponte posto di fronte, armatevi di pazienza e aspettate il vostro turno per scattare. Il ponte si può visitare anche dall’interno tramite il tour al Palazzo Ducale, o passarci sotto con un tradizionale giro in gondola.

Come arrivare al Ponte dei Sospiri
Il ponte dei Sospiri è a due passi da Piazza San Marco, direzione Lido di Venezia.

Nel vostro itinerario di cosa vedere a Venezia va assolutamente inserito anche il Ponte di Rialto, uno dei più eleganti di tutta la città con negozietti lungo tutta la camminata. Bellissimo soprattutto illuminato di sera, lascia estasiati per la sua maestosità e per gli scorci che offre ai visitatori. Consigliamo di ammirarlo prima dal canale venendo in vaporetto da Santa Lucia e poi semplicemente passeggiarci sopra.

  • Per arrivare in cima al ponte vanno saliti un po’ di scalini. Scomodo per chi ha difficoltà motorie o viaggia con passeggini, specie per la calca di gente che si forma.
  • Evitate le ore di punta, quando il numero di turisti è eccessivo. Andateci di mattina prima delle 10:30 o direttamente al tramonto.

Come arrivare al Ponte di Rialto
Al Ponte di Rialto potete arrivarci in vaporetto o con una passeggiata, partendo dalla stazione, incamminandosi per la Lista di Spagna e proseguendo per la Strada Nuova.

Per una bella vista sulla Laguna, fate tappa anche al Ponte dell’Accademia, che collega Dorsoduro a San Marco. Sicuramente non il ponte più bello di Venezia, ma una tappa da non mancare per gli scorci che offre.

  •  Il ponte dell’Accademia è perfetto per chi vuole scattare foto al panorama del Canal Grande e alla Basilica di S.Maria della Salute.
  • Abbinate una passeggiata al ponte alla visita del Museo Peggy Guggenheim (meno di 5 minuti a piedi) o se diretti alla Galleria dell’Accademia.

Come arrivare al Ponte dell'Accademia
Il Ponte dell’Accamedia si raggiunge in vaporetto oppure comodamente a piedi in 15 minuti da Piazzale Roma.

Venezia e dintorni: Murano, Burano e Torcello

Cosa fare a Venezia in un weekend? Se nel vostro itinerario non c’è una tappa a Murano e Burano, rivedete assolutamente il vostro programma di viaggio.

Murano e l’arte del vetro

Negozietti caratteristici e laboratori d’arte che vi lasceranno a bocca aperta; benvenuti nella splendida isola di Murano, conosciuta in tutta mondo per la lavorazione del vetro in tutte le sue forme e colori. Bello passeggiare osservando le vetrine con manufatti preziosi e meravigliose sculture.

  • Fermatevi in una delle tante fornaci ad osservare le dimostrazioni gratuite di come si lavora il vetro; se viaggiate in famiglia, i ragazzi resteranno incantati dalle abilità dei maestri vetrai.
  • I prezzi sono molto alti, ma orecchini e bracciali in vetro di Murano saranno un regalo molto apprezzato.

Per vedere Murano bastano comodamente 2/3 ore, considerando anche una fermata al museo del vetro, decisamente consigliato.

Tra i colori di Burano

case colorate burano venezia vivicityfoto di Alessia Carbone per vivicity

Andare a Burano è un po’ come entrare in un dipinto a cielo aperto; una piccola isola abitata da pescatori con casette color pastello e tinte accese, famosa in tutto il mondo per la lavorazione di pizzi e merletti.

Se siete appassionati di fotografia e colori, Burano è il posto perfetto da visitare.

Fermatevi in una delle botteghe per acquistare un souvenir e arrivate in piazza fino a raggiungere il campanile, che ricorda per stile la Torre di Pisa.

VEDI I TOUR E LE ATTIVITÀ A BURANO DA NON PERDERE

Come in ogni località prettamente turistica, i prezzi dei ristoranti a Burano sono un po’ sopra la media; meglio tornare a Venezia per un boccone o portarsi il pranzo a sacco.

L’isoletta è piccola, si gira tutta in un’oretta e mezza, ma Burano vi piacerà così tanto che quasi non vorreste andar via; dedicategli una mezza giornata, ne vale la pena!

Come raggiungere Murano e Burano
Uno dei modi più comodi per visitare Murano e Burano è il tour guidato che in mezza giornata vi porta alla scoperta di queste due perle della Laguna. L’escursione comprende anche una visita a Torcello, un’isola dove natura e quiete la fanno da padroni.

  • Torcello offre davvero poco ai turisti rispetto a Murano e Burano; l’unica attrazione di spicco è la Basilica di Santa Maria dell’Assunta.

Per una visita in autonomia, vi consigliamo di prendere il biglietto giornaliero per il vaporetto, che vi permette di salire e scendere ogni volta che volete; costa 20€, parte da Venezia (Fondamenta Nove) e fa fermata in ognuna dei tre isolotti. A Murano si arriva in 30 minuti circa, a Burano in poco più di 45 minuti, a Torcelli in 50 minuti.

Visitare Venezia con i bambini

Destinazione consigliata specialmente alle coppiette, Venezia regala tante attività da fare anche a chi ci va con i bimbi. Oltre a Murano, Burano e le attività per ragazzi nei musei, non risparmiate un giro in gondola o in vaporetto, sarà un ricordo indelebile della vacanza.

Altre due dritte per un viaggio a Venezia in famiglia? Il Museo di Storia Naturale, nei pressi della fermata vaporetto di San Stae, divertimento assicurato per i bambini con sale interattive e percorsi accattivanti. E poi il Museo Storico Navale, poco distante da Piazza San Marco; sarà molto apprezzato dai vostri figli che rimarranno incantati dalle ricostruzioni di gigantesche navi e imbarcazioni di ogni genere.

Cosa mangiare a Venezia

Per un’esperienza culinaria autentica, allontanatevi dalle zone turistiche e andate alla ricerca dei bàcari, le tipiche osterie veneziane. Un must in città ma soprattutto un’ottima dritta per chi vuol mangiar bene senza spendere una fortuna. Cosa provare? Ovviamente risi e bisi (risotto con piselli freschi e brodo di carne), sarde in saor – ricetta che risale ai tempi della Serenissima – polenta e baccalà mantecato.

  • Per i turisti golosi, assolutamente consigliati i bussolai, biscotti a base di burro, e le fritole, da assaggiare nelle più antiche pasticcerie veneziane.

Dove dormire a Venezia

Carnevale Venezia costumi tradizionaliPuò sembrare assurdo, ma forse la soluzione ideale è quella di alloggiare a Venezia. Vero che Mestre è più economica, ma il risparmio non è poi così tanto consistente e considerate che ogni giorno dovrete spostarvi per recarvi a Venezia.

Escludendo i periodi clou come Carnevale o Festa di San Marco, prenotando in anticipo si possono trovare anche delle buone offerte.

Meglio concentrarsi sulle zone di Cannareggio o Dorsoduro, meno turistiche di San Marco e quindi con prezzi più abbordabili.

Se viaggiate in Estate e rimanete almeno una settimana, potreste pensare di alloggiare a Lido, un’ottima base per fare anche qualche giornata di mare. Se invece restate a Venezia solo per pochi giorni, vi conviene alloggiare in una zona più vicina al centro così da avere più tempo a disposizione per visitare la città.

Cerchi un'offerta hotel a Venezia?
In collaborazione con: Booking.com

Cerchi un'offerta hotel a Venezia?

  • Prezzo più basso garantito e assistenza clienti in italiano
vedi disponibilità mostra disponibilità mostra disponibilità
In collaborazione con: Booking.com

Come spostarsi a Venezia

Niente autobus e metro ma solo trasporto ad acqua. Traghetti, vaporetti e gondole sono i mezzi pubblici utilizzati per spostarsi a Venezia, con linee che coprono praticamente ogni angolo della laguna e servono anche le isole nei dintorni.

Il modo più bello per godersi Venezia è però quello di girare a piedi tra le sue storiche calli; mettete in valigia un paio di scarpe comode e avventuratevi nella città che fu di Giacomo Casanova.


Siete già stati a Venezia? Allora la vostra prossima meta può essere Torino, una città perfetta per i giovani viaggiatori!

7
Quanto ti è stata utile questa guida?
foto di Alessia Carbone per VIVI CITY
Marisdea s.r.l.s. P. IVA 05305350653